|Login
 
     
 
foto 1
 
Stampa    
     
     
 
foto 19
 
Stampa    
     
     
 
foto 22
 
Stampa    
     
     
 
foto 33
 
Stampa    
     
     
 
foto 4
 
Stampa    
     
     
 
   A cura del prof. S. Bertolini e allievi partecipanti Riduci

Il Treno della Memoria: un progetto per educare alla storia

Giunto alla sua sesta edizione, il Treno della Memoria nasce come ricerca della nostra memoria e delle nostre origini, in un momento in cui le testimonianze dirette dei terribili accadimenti della Seconda Guerra Mondiale stanno svanendo in modo preoccupante.
Il Treno della Memoria è un’iniziativa dell’Associazione Terra del Fuoco, promossa quest’anno dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che punta a realizzare con i giovani di tutta Italia un percorso di conoscenza ed educazione alla storia.
Giovedì 4 febbraio, con il terzo dei quattro Treni della Memoria 2010, sono partiti 220 ragazzi del Friuli Venezia Giulia, tra cui 10 studenti dell’Istituto Manzini di San Daniele: prima una cerimonia a Trieste, presso la Risiera di San Sabba, e poi la partenza per Cracovia.
I ragazzi si sono preparati al viaggio con una serie d’incontri con storici e testimoni di alcune tragiche vicende della II guerra mondiale: le riflessioni hanno avuto come oggetto i temi della deportazione, della propaganda, dell’ascesa dei totalitarismi e delle leggi razziali attraverso documenti, immagini, filmati e supporti studiati appositamente per loro. Durante il viaggio gli studenti hanno continuato la loro formazione, guidati da educatori di Terra del Fuoco e dai loro insegnanti, ed hanno potuto condividere il viaggio con tre ex-deportati che, nonostante la non più giovane età,  hanno voluto condividere la loro esperienza sopportando le 30 ore, tra andata e ritorno, del viaggio.
A Cracovia gli educatori italiani sono stati affiancati da giovani studenti polacchi di filologia italiana che hanno guidato il gruppo nella città e nella sua storia permettendo di superare il problema della lingua straniera. Durante il soggiorno nella città inoltre, sono state proposte ai ragazzi attività diurne di group-building e serali di intrattenimento artistico-culturale, tra cui la performance di un’equipe di attori teatrali.
Culmine del percorso è stata la visita dei campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz e Birkenau e del ghetto della città di Cracovia, concludendo con una cerimonia di Commemorazione presso il “piazzale dell’appello” del campo di Birkenau, un momento molto toccante in cui gli studenti hanno restituito simbolicamente l’identità ai deportati dicendo ad alta voce il loro nome.
L’ultimo giorno, tutti i ragazzi si sono riuniti presso il teatro “Rotunda” per l’Assemblea dell’Impegno, un momento fondamentale di riflessione condivisa in cui si è partiti da quanto vissuto e si è cercato di trasformare le sensazioni di dolore, frustrazione ed impotenza in una analisi costruttiva dell’attualità, cercando di tradurre le forti sensazioni in un impegno concreto da realizzare quotidianamente.
Al ritorno da Cracovia, gli studenti continueranno ad approfondire alcuni aspetti della storia dei territori della nostra regione: con il supporto di alcuni storici, verranno visitati i luoghi della Memoria della II guerra mondiale più importanti del nostro territorio, come la Foiba di Basovizza e la Malga Porzus. La data prevista è il 20 aprile 2010.

Il Treno della Memoria non è solo un viaggio: è un percorso di crescita che mira a stimolare nei partecipanti la consapevolezza del loro ruolo di cittadini attivi, italiani ed europei, dei loro doveri, diritti e responsabilità verso la società e verso le persone. Senza dubbio è stata un’esperienza molto forte, che ha prodotto riflessioni profonde e stimolanti ed ha toccato la coscienza dei ragazzi che oggi possono analizzare in maniera più critica e costruttiva il presente che li circonda.

“Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione.”
(Piero Calamandrei, Discorso ai giovani sulla Costituzione nata dalla Resistenza, Milano, 26 gennaio 1955).

Una più ampia documentazione fotografica del viaggio si può consultare alla pagina Progetti I.S.I.S.>Treno della memoria 2010 del fotoalbum.

 
Stampa    
     
     
 
   Testimonianze di ex-deportati Riduci

 
Stampa    
     
     
 
foto 2
 
Stampa    
     
     
 
foto 14
 
Stampa    
     
     
 
foto 26
 
Stampa    
     
     
 
foto 27
 
Stampa    
     
     
 
foto 5
 
Stampa